INFODIVISE > Esercito Italiano > Esercito italiano: i militari riservisti si rivolgono al Tar contro il licenziamento

Esercito italiano: i militari riservisti si rivolgono al Tar contro il licenziamento

0
Riservisti militari esercito

Un glorioso passato alle spalle, ma senza certezze per il futuro: numerosi riservisti militari italiani, pur avendo dedicato molti anni al servizio del Paese, si trovano ora al di fuori dell’Esercito, costretti a rivolgersi al Tar.

Circa 10 di loro hanno presentato ricorso al Tribunale amministrativo, mentre in tutta Italia circa un migliaio rischia di perdere il lavoro.

Esercito, militari riservisti: chi sono

Dopo aver partecipato a missioni di rilievo, sia all’estero con l’Onu che nell” operazione “Strade sicure”, si ritrovano ora, al 30 dicembre 2023 e superati i 45 anni di età, in una situazione di incertezza.

VISITA LA SEZIONE AVVOCATO MILITARE INFODIVISE.IT

Determinati a combattere questa battaglia legale, il gruppo di riservisti ha presentato un ricorso alla Sezione Prima Bis del Tar, che ha fissato udienza per il 17 gennaio a Roma.

Militari riservisti: il ricorso al Tar

Nel ricorso, il gruppo chiede il riconoscimento dello status di pubblico impiego dipendente, equiparato a quello dei graduati in servizio permanente effettivo, con il diritto all’assunzione presso l’Amministrazione Difesa come lavoratori a tempo indeterminato.

Richiedono inoltre la condanna dell’Amministrazione al pagamento delle differenze retributive rispetto ai graduati in servizio permanente effettivo, nonché il riconoscimento dei diritti assistenziali e previdenziali.

L’accusa è incentrata sulla presunta violazione del divieto di reiterazione dei rapporti di lavoro a tempo determinato.

Questi riservisti, appartenenti alla “riserva di completamento” delle Forze Armate, hanno costruito le proprie vite lavorative su contratti a tempo determinato, ma ora, superati i 45 anni, temono il peggio.

La vicenda, delineata nell’ambito del ricorso presentato dall’avvocato Massimiliano Strampelli, denuncia un presunto abuso del diritto da parte del Ministero, auspicando che il Tar sanzioni questo comportamento e ponga fine a una possibile discriminazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!