INFODIVISE > Concorsi > Forze Armate, approvato il nuovo ddl: previsto l’aumento dei posti in organico

Forze Armate, approvato il nuovo ddl: previsto l’aumento dei posti in organico

0
Forze Armate approvato il nuovo ddl

Il Consiglio dei Ministri, su proposta dei Ministri della difesa, Guido Crosetto, dell’ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, e della pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, ha approvato un disegno di legge recante disposizioni in materia di associazioni professionali a carattere sindacale tra militari e di revisione dello strumento militare nazionale, nonché di termini legislativi. 

L’articolo 2 delega il Governo ad adottare, entro 24 mesi dall’entrata in vigore del provvedimento, uno o più decreti legislativi per la revisione dello strumento nazionale militare.
L’intervento risulta di fondamentale importanza per il Ministero della difesa poiché consente di adottare provvedimenti per la revisione dello strumento militare nazionale, in linea con la rimodulazione in aumento dell’organico delle Forze armate a 160.000 unità in corso di perfezionamento. 

Forze Armate, approvato il nuovo ddl

Questo vuol dire che, da qui a dieci anni, una riduzione ci sarà comunque anche se più moderataDa 150.000 unità potremmo ritrovarci infatti con un tetto massimo di 160.000: potrebbero essere dunque mantenuti 10.000 posti nelle Forze Armate.

Come riporta il sito nissolinoconcorsi.it, incrociando i dati dei vari Rapporti annuali delle Forze Armate (Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Marina Militare e Arma dei Carabinieri) emerge che l’organico di questi Corpi, nel 2021, ammontava a circa 270mila unità. Un numero ben lontano dal “Modello a 150.000” (previsto dalla Legge n. 244 del 2012), che era stato comunque accolto con “grande favore” dalle FF.AA..

Il raggiungimento di questo obiettivo era inizialmente previsto per il 2023. Vari mutamenti dello scacchiere geopolitico hanno poi reso necessario una nuova scadenza per il “Modello a 150.000”, fissato per il 2033.

Evidentemente i recenti stravolgimenti legati al conflitto in Ucraina hanno portato l’esecutivo a rivedere al rialzo il tetto massimo per l’organico delle Forze Armate. Ricordiamo nuovamente che la legge è ancora nel suo stato embrionale e necessita di tutti i passaggi istituzionali previsti dalla nostra Costituzione. Non possiamo quindi che aspettare e vedere se questa normativa approderà sulla scrivania del Presidente della Repubblica per il sigillo del Quirinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!