GDF, USIF: “meno soldi al Comparto vuol dire meno sicurezza”

Comparto Sicurezza

Comparto Sicurezza – “Le Associazioni professionali a carattere sindacale tra militari (A.P.C.S.M.) non sono entità che si contrappongono alle Amministrazioni, bensì forniscono supporto alle stesse, anche attraverso il miglioramento del benessere del proprio personale, che consentirà di svolgere le attività istituzionali in modo più efficiente ed efficace.

Ne è testimonianza il caso recentemente accaduto in occasione del G7 a Brindisi, dove le denunce sindacali sulle problematiche logistiche della famosa “nave” hanno consentito una rapida ed immediata attivazione delle Amministrazioni per una nuova e dignitosa sistemazione alloggiativa dei propri uomini.

Questo si è tradotto in una maggiore efficienza delle forze di polizia che hanno potuto affrontare con più serenità la gestione della sicurezza legata all’evento.

Nel giorno dell’anniversario della fondazione dell’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF), che oggi compie 5 anni, vogliamo lanciare un messaggio alla politica: è necessario lavorare insieme per il bene dei cittadini. Dare i giusti riconoscimenti in termini economici e di diritti alle forze di polizia, contribuisce ad aumentare la sicurezza di tutti. Meno soldi per il comparto vuol dire meno sicurezza per tutti”.

Lo comunica, in una nota, la Segreteria Generale dell’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!