web analytics
INFODIVISE > Attualità > Roma, la polizia fa cancellare il murale dedicato al ragazzo morto a 300 km/h in un incidente sul Raccordo

Roma, la polizia fa cancellare il murale dedicato al ragazzo morto a 300 km/h in un incidente sul Raccordo

Murales Roma
Prima di leggere l'articolo lascia un "mi piace" alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornato sulle ultime notizie

Un blitz all’alba per cancellare il murale di Nicholas Orsus Brischetto, il 22enne morto sul Grande raccordo anulare di Roma dopo essersi schiantato contro il guardrail a 300 chilometri orari. Subito dopo l’alba a Villaggio Falcone gli operai del Comune hanno cancellato l’”opera” che si trovava in via Raoul Follerau e che era stato realizzato di notte per commemorarne la morte. Gli agenti della questura e del distretto del Casilino insieme ai carabinieri sono rimasti in zona per controllare le operazioni.

Brischetto, di origine Rom e residente ad Aprilia, dopo aver girato un video in cui mostrava che la sua auto stava arrivando a 292 chilometri all’ora sul Gra, ha sbattuto con la sua Audi R8 contro la barriera jersey di cemento. Portato d’urgenza al Policlinico di Tor Vergata, è morto poco dopo.

Un suo amico è stato ricoverato al Policlinico Casilino dove i medici lo hanno dichiarato fuori pericolo. Nell’incidente è rimasta coinvolta anche una ragazza incinta che si trovava alla guida di un’auto contro la quale sono finiti alcuni pezzi dell’Audi. 

È stata dichiarata fuori pericolo anche lei. Nei giorni scorsi è andato in scena anche il suo funerale-show: Alcune Ferrari e Lamborghini sono state portate fuori le mura a San Lorenzo. Per ricordare il ragazzo che ha perso la vita la tragica notte del 18 luglio scorso. In cielo sono stati lanciati palloncini bianchi e azzurri e anche i fuochi d’artificio per celebrare il grande murale.

open.online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!