fbpx
Regina Coeli, ennesima aggressione alla Polizia Penitenziaria. Il Comandante richiede l’intervento del Nucleo Operativo Regionale: detenuti immediatamente trasferiti

Regina Coeli, ennesima aggressione alla Polizia Penitenziaria. Il Comandante richiede l’intervento del Nucleo Operativo Regionale: detenuti immediatamente trasferiti

Prima di leggere l'articolo lascia un "mi piace" alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornato sulle ultime notizie

Apprendiamo dal sindacato SINAPPe dell’ennesima aggressione ai danni di agenti di Polizia penitenziaria del carcere romano di Regina Coeli da parte di un detenuto albanese.

L’aggressione è scaturita per futili motivi, in quanto al detenuto sono stati sequestrati oggetti non consentiti durante una perquisizione.

Le parole di Antonio Pierucci, delegato nazionale SINAPPe: “dopo l’ennesima aggressione dobbiamo sottolineare la professionalità della Polizia Penitenziaria di Regina Coeli e l’operato del Comandante di Reparto, sempre al fianco del personale anche nelle situazioni piúdelicate“.

Grazie al Comandante, infatti, che ha concordato con la Direzione l’intervento del Gruppo Operativo Regionale, i detenuti sono stati immediatamente trasferiti, dando un segnale a tutta la popolazione detenuta.

È molto importante – continua il sindacalista – dare questi segnali decisi, in modo da scongiurare sul nascere eventuali tentativi di disordine. Il detenuto deve capire che ogni sua azione non consentita, avrà una conseguenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!