fbpx
Omicidio a Licata, uccide 4 familiari tra cui un bimbo di 11 anni e si spara in strada

Omicidio a Licata, uccide 4 familiari tra cui un bimbo di 11 anni e si spara in strada

Strage a Licata, in provincia di Agrigento.

Un uomo di 48 anni, Angelo Tardino, ha ucciso a colpi di pistola il fratello, la cognata e i figli della coppia di 11 e 15 anni. Infine si è sparato mentre era al telefono con i carabinieri, che lo avevano rintracciato e stavano cercando di convincerlo a costituirsi. È morto dopo essere stato ricoverato in «coma irreversibile» all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta.

«Il paziente è in fin di vita e non operabile. Le lesioni riportate sono gravissime e incompatibili con la vita», aveva detto il primario del reparto di Rianimazione, Giancarlo Foresta, prima del decesso.

Le vittime sono Diego Tardino, la moglie di lui, Alexandra, e i figli della coppia, Alessia e Vincenzo. Sul luogo della strage la pm Paola Vetro e il medico legale.

Teatro della strage una casa in via Riesi, alla periferia di Licata, cittadina di circa 35 mila abitanti.

L’uomo — che secondo le prime informazioni disponeva del porto d’armi, e possedeva un fucile da caccia e alcune pistole — avrebbe estratto la pistola al culmine di unalite per questioni economiche, forse per un’eredità contesa . I due fratelli gestivano insieme un’azienda agricola.

A dare l’allarme sarebbe stata la moglie dell’assassino.

Quando i carabinieri sono arrivati in via Riesi si sono trovati difronte a una scena agghiacciante. Uno dei bambini è stato trovato sotto il letto, avvolto in una coperta: non è ancora chiaro se sia stato coperto dall’assassino o se, invece, il piccolo avesse tentato di nascondersi.

La Procura della Repubblica sta coordinando le indagini.

I vicini di casa sono sotto choc. Hanno sentito prima le urla, come era già accaduto altre volte, e poi i rumori dei colpi di pistola. Il clima era teso da tempo, c’erano state altre liti, ma nulla che facesse presagire un epilogo così drammatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!