web analytics
INFODIVISE > Avvocato Militare > “Legittimo togliere e poi vietare le armi a chi posta sui social messaggi con intenti suicidi”: Tar Liguria respinge ricorso di carabiniere in congedo

“Legittimo togliere e poi vietare le armi a chi posta sui social messaggi con intenti suicidi”: Tar Liguria respinge ricorso di carabiniere in congedo

Carabiniere Avvocato militare
Prima di leggere l'articolo lascia un "mi piace" alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornato sulle ultime notizie

Legittimo togliere e poi vietare le armi a chi posta su Facebook un messaggio con intenti suicidi e in un contesto familiare di tensione.

Lo stabilisce una sentenza del Tar della Liguria che ha respinto il ricorso di un carabiniere in congedo che aveva fatto ricorso contro il Ministero dell’Interno perché il Prefetto di una provincia ligure gli aveva vietato di detenere armi e munizioni, a seguito del post sul social network e dopo l’intervento dei carabinieri che gli avevano ritirato le armi detenute.

“Il messaggio ben può essere inteso come rilevatore di una situazione di grave disequilibrio psichico correttamente ritenuto sintomatico di inadeguatezza a detenere armi – spiega il Tar nella sentenza che conferma gli atti della Prefettura -.
Anche se si volesse dare credito alla versione del ricorrente, secondo cui si sarebbe trattato di uno sfogo privo di propositi suicidi, male interpretato, dovuto ai contrasti in seno alla famiglia per l’avvio di una nuova relazione sentimentale, emergerebbe comunque una grave situazione di tensione familiare, non compatibile con la detenzione di armi”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!