INFODIVISE > Carabinieri > Sente i ladri in casa e chiama 10 volte i carabinieri, ma erano allucinazioni per droga

Sente i ladri in casa e chiama 10 volte i carabinieri, ma erano allucinazioni per droga

Svaligiata la casa di un carabiniere
Prima di leggere l'articolo lascia un "mi piace" alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornato sulle ultime notizie

Era passata la mezzanotte, quando un 34enne brianzolo residente a Giussano, in provincia di Monza Brianza, sentita la presenza di alcuni ladri in casa, ha chiamato il numero di emergenza unico 112 per chiedere aiuto ma, dopo alcune frasi alquanto sconnesse, improvvisamente ha messo giù la cornetta prima ancora di fornire i dettagli necessari per essere localizzato.

Subito dopo aver chiuso, l’uomo, che era apparso in stato confusionale e fortemente agitato, ha nuovamente fatto ulteriori analoghe chiamate, ben dieci, sempre fornendo però solo dati parziali ma che indicavano la presenza di alcuni ladri nella sua casa. L’operatore della centrale operativa della Compagnia carabinieri di Seregno, una volta messi insieme i pezzi del puzzle di informazioni carpite dall’uomo e intuito il punto dal quale proveniva la richiesta di aiuto, una casa poco distante dal laghetto di Giussano, ha inviato una pattuglia per verificare cosa stesse accadendo.

Una volta sul posto i militari, con non poca fatica, hanno individuato l’appartamento dal quale era pervenuta la richiesta di aiuto. All’interno però non c’era che l’uomo 34enne e i suoi anziani genitori mentre dei ladri nessuna traccia se non quella nell’immaginazione sensoriale dell’uomo che continuava a vedere e udire la presenza persecutoria di malviventi incappucciati nascosti tra le mura casa.

I carabinieri hanno quindi terminato le operazioni rassicurando il 34enne il quale, nella circostanza, riportato alla calma, ha dichiarato che poco prima aveva assunto stupefacenti. Lo stesso è stato trovato in possesso anche di una dose di hashish per uso personale e pertanto verrà segnalato alla competente autorità amministrativa oltre che essere denunciato per il procurato allarme. AGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!