Carceri: campagna vaccinale proseguirà senza interruzione

Carceri: campagna vaccinale proseguirà senza interruzione

Il Generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario all’emergenza Covid, ha confermato che la campagna vaccinale nelle carceri proseguirà senza interruzione.

Nel testo si stabiliva come la precedenza toccasse agli ultra ottantenni, per proteggere gli anziani più a rischio infezione, e ai medici in prima linea. A seguire, gli over 70.

Dal ministero della Giustizia erano arrivate rassicurazioni sulla prosecuzione delle somministrazioni all’interno degli istituti penitenziari. 

Oggi a la conferma: d’intesa con il ministero della Salute si è deciso che le somministrazione procederanno “parallelamente” a quelle delle categorie prioritarie e interesseranno “il personale della polizia penitenziaria e i detenuti negli istituti penitenziari non ancora sottoposti alla prima somministrazione tenendo in considerazione anche il personale amministrativo che opera in presenza”.

A oggi i casi tra gli agenti di Polizia Penitenziaria sono 478 e 41 addetti alle funzioni centrali, 737 i casi tra i detenuti- ha ricordato Cartabia -, mentre sono stati coinvolti nel piano vaccinale 16.819 agenti di Polizia Penitenziaria, 1.780 addetti alle funzioni centrali 9.624 detenuti.

I Sindacati di Polizia Penitenziaria hanno accolto con favore la notizia della ripresa della campagna vaccinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!